In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Caos

 

caos-patricia-cornwell
Il ventiquattresimo romanzo dedicato a Kay Scarpetta, a mio avviso, non è all’altezza delle prime opere di Patricia Cornwell. Però io non posso fare a meno di leggere questa maestra del thriller.









 

Sono una fan di Patricia Cornwell da molti anni. Ho letto tutti i suoi romanzi e continuerò a farlo anche se gli ultimi mi hanno delusa. Anche Caos, pubblicato da Mondadori lo scorso novembre, mi ha suscitato molte perplessità. È il ventiquattresimo romanzo dedicato a Kay Scarpetta, l’anatomopatologa che dà voce alle vittime. Il primo, Postmortem, è uscito negli Stati Uniti nel 1990 e in Italia nel 1994 e ha rivoluzionato il modo di fare le indagini in un thriller. Infatti, ha vinto ben sette premi americani dedicati ai gialli. E è stato un grande successo editoriale, esattamente come gli altri suoi romanzi.


Mi rendo conto che oggi la concorrenza è molto elevata e per Patricia Cornwell è difficile stare al passo coi tempi.criminal--minds Però i suoi ultimi romanzi, a mio avviso, hanno perso mordente, si sofferma e dilunga un po’ troppo tra ripensamenti e riflessioni. Pur se scritti molto bene e con grande attenzione ai particolari, sono molto lenti, esattamente il contrario di quello a cui ci aveva abituato proprio la Cornwell. Eppure, questa maestra del thriller, conosce tutti gli ingredienti per tenere legato il lettore fino all’ultima riga, ma è come se ne fosse dimenticata. Solo nelle ultime pagine riacquista il ritmo incalzante e trascina il lettore verso un finale decisamente inconsueto.
Io non vi racconterà la trama, perché la trovate su tutti i siti di recensione e di vendita online, però desidero precisare che, nonostante la lentezza, mi sento di consigliare il libro agli amanti dei gialli. Soprattutto, a chi non la conosce, suggerisco di leggere le sue opere iniziando proprio da Postmortem.

Infine una curiosità: Patricia Cornwell è stata guest star, interpretando se stessa, in Veri geni, l’undicesimo episodio della settima stagione di Criminal Minds.

 

 

Chi è Patricia Cornwell
patricia-cornwell
Ha venduto oltre cento milioni di copie dei suoi libri, tradotti in trentasei lingue e pubblicati in più di centoventi paesi. Il suo primo romanzo, Postmortem, scritto quando ancora l'autrice era analista informatico presso l'Istituto di medicina legale di Richmond, è l'unico ad avere vinto nello stesso anno cinque premi prestigiosi ed è il primo thriller ad ambientazione medico-legale.

Insolito e crudele è stato insignito del Gold Dagger Award nel 1993.
Patricia Cornwell è tra i fondatori del Virginia Institute of Forensic Science and Medicine e della National Forensic Academy, e membro del Comitato consultivo del Forensic Sciences Training Program presso l'OCME di New York, nonché del McLean Hospital's National Council, dove è sostenitrice della ricerca psichiatrica.
Tutti i romanzi di Patricia Cornwell sono pubblicati in Italia da Mondadori.
L'autrice attualmente vive a Boston.

 

 

 

 

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Domenica, 22 Ottobre 2017 03:04:54

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno