In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

La via del male

 

via-del-male

Terza prova superata a pieni voti per Robert Galbraith. Cormoran Strike e Robin Ellacot funzionano bene e riescono a risolvere anche i casi più intricati.









 

Anche questa volta Robert Galbraith – pseudonimo di J.K. Rowling – non mi ha delusa. Al contrario è riuscita a tenermi inchiodata al suo romanzo per ben 603 pagine.
 

Ormai alla terza prova narrativa, la mamma di Harry Potter si conferma una brava scrittrice. Le sue storie sono sempre lunghe, complesse, ricche di intrecci, eppure il lettore non si annoia. Pagina dopo pagina entra nei conflitti personali dei protagonisti e palpita con loro.
Come in Il richiamo del cuculo del 2013 e in Il Baco da seta del 2014 il protagonista è l’investigatore Cormoran Strike, però la sua assistente, o forse dovremmo chiamarla socia, Robin Ellacott sta acquistando sempre più spessore, riuscendo persino a rubargli la scena. Infatti, in questo romanzo nel mirino dell’assassino c’è proprio Robin. A lei viene inviato uno strano pacco e da lì inizieranno i guai per l’investigatore e la sua assistente.
Anche in questo caso, la polizia non dà retta a Cormoran prendendolo per visionario. Le sue analisi vengono giudicate prive di elementi provanti e quindi il povero Strike deve arrangiarsi aiutato solo dall’assistente a da alcuni vecchi amici. Ed anche Robin, ad un certo punto, sembra aver perso la fiducia nel suo “maestro”.


A chi lo consiglio? A chi ha già apprezzato i precedenti e a chi ama i noir, i gialli un po’ dal gusto “rétro”.
Qui non ci sono serial killer e ritmi serrati alla Dan Brown, ma c’è l’indagine portata avanti giorno dopo giorno con tanto lavoro e fatica. Ci sono i particolari, le sfumature quelle che consentono di arrivare a scoprire l’assassino e il suo movente. 
M.Z.





Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Domenica, 28 Maggio 2017 03:01:54

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno