Leggere, secondo Fabio Marelli

 

fabio-marelliok
Adora leggere a letto, in attesa di un divano comodo. Finisce sempre i libri e preferisce la versione cartacea. In realtà non ha mai letto un e-book.





D. Quando vuoi rilassarti preferisci: guardare la televisione, andare al cinema o leggere un libro?
R. Quando ho tempo, leggere un libro.


D. Dove leggi abitualmente: in poltrona, a letto, alla scrivania? Se potessi scegliere, quale sarebbe il tuo luogo ideale per la lettura?
R. Leggo a letto ma conto presto di avere un bel divano comodo dove leggere seduto a gambe lunghe.


D. Nel suo famoso Decalogo, al terzo posto, Daniel Pennac sancisce il diritto del lettore a “non finire il libro”: tu hai seguito questo consiglio? Se sì, con quale libro e perché?
R. In genere li finisco sempre, se un libro non mi appassiona al cento per cento, magari salto qualche riga per arrivare prima alla fine.


D. Qual è il libro -o i libri- che più hai amato? E quello o quelli che...
R. “Il giorno più felice della mia vita” di Sebastiano Mauri; “Splendore” di Margaret Mazzantini. Preferisco consigliare quelli che hanno significato qualcosa, che dare pareri negativi... Tutto è troppo soggettivo.


D. Cosa cerchi in un libro? Cosa attira di più la tua attenzione: la copertina, il titolo, l’autore, la bandella con la storia?
R. Il titolo è sempre un ottimo biglietto da visita ma la storia è fondamentale per potersi riconoscere in qualcosa.


D. Quale argomento ti appassiona e, secondo te, viene poco considerato dagli editori italiani?
R. Personalmente mi attraggono tanto le storie vere quanto i romanzi. Sono attratto dalla meteorologia. Un bel romanzo meteorologico non sarebbe male...


D. E per finire cosa pensi degli e-book? Secondo te, quali sono i loro pregi e i loro difetti?
R. Che siano utili per chi ha poco tempo per recarsi in libreria a toccare i libri con mano. Personalmente preferisco il cartaceo ma non critico chi li preferisce.


D. Li utilizzi?
R. Non ne ho mai letto uno.




Chi è Fabio Marelli
È nato a Tortona, in provincia di Alessandria, il 4 agosto 1978. Da bambino sogna di diventare un conduttore televisivo e all’età di 16 anni è uno speaker radiofonico. Da adolescente coltiva la passione per la meteorologia: i suoi video-meteo comici su YouTube lo portano sul piccolo schermo. Radio, TV, social network: la sua passione è comunicare, ma non chiedetegli cosa farà da grande. Il libro “Castelli di carte” è la sua opera prima.
Lo puoi seguire sui social: Facebook, Instagram, Twitter e YuoTube.

 

 

 

 


Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Lunedi, 20 Agosto 2018 07:32:09

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite Per saperne di più