In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Leggere, secondo A.D.

 

a.d.angelo-azzurro

A.D. ma possiamo chiamarla anche Angelo Azzurro ama i gialli ma il suo romanzo preferito è Anna Karenina. E per quanto riguarda gli e-book…








D. Quando vuoi rilassarti preferisci: guardare la televisione, andare al cinema o leggere un libro?
R. Sicuramente leggere un libro, ma anche un buon film mi rilassa e mi arricchisce.
 

D. Dove leggi abitualmente: in poltrona, a letto, alla scrivania? Se potessi scegliere, quale sarebbe il tuo luogo ideale per la lettura?
R. In genere a letto prima di addormentarmi. Luogo ideale: all'ombra in una terrazza al mare.
 

D. Nel suo famoso Decalogo, al terzo posto, Daniel Pennac sancisce il diritto del lettore a “non finire il libro”: tu hai seguito questo consiglio? Se sì, con quale libro e perché?
R. Sì, concordo, anche se in genere li finisco tutti. L'unico che proprio non sono riuscita a finire è un romanzo di Aldo Busi, non ricordo il titolo. Per me il suo modo di scrivere è troppo diretto e volgare. Ho tralasciato anche altri troppo pesanti o idioti.
 

D. Qual è il libro -o i libri- che più hai amato? E quello o quelli che si sono rivelati una delusione?
R. Il romanzo che più ho amato: Anna Karenina di Tolstoy; ma anche, forse a pari merito: Per chi suona la campana di Ernest Hemingway , La lunga vita di Marianna Ucria di Dacia Maraini, Niente e così sia di Oriana Fallaci, L'amore al tempo del colera di Gabriel Garcia Marquez, i gialli di Agatha Christie, di Conan Doyle e un'infinità di altri libri. Delusioni poche perché in genere mi informo prima. Tra quelli che non mi sono piaciuti e non ho finito, cito ancora Aldo Busi e Alberto Bevilacqua.
 

D. Cosa cerchi in un libro? Cosa attira di più la tua attenzione: la copertina, il titolo, l’autore, la bandella con la storia?
R. La copertina può attirare, ma non è essenziale. L'autore sicuramente, e la bandella con la storia.
 

D. Quale argomento ti appassiona e, secondo te, viene poco considerato dagli editori italiani?
R. A me piacciono i gialli, vengono già abbastanza considerati, più dai lettori che dagli editori. A mio avviso, sono pochi gli editori di Fantasy, un genere un po' di nicchia.


D. E per finire cosa pensi degli e-book? Credi che potranno sostituire i libri cartacei?  
R. Penso di sì, nella prossima generazione, che sarà sempre più tecnologica.
 

D. Li utilizzi? Secondo te, quali sono i loro pregi e i loro difetti?
R. Sì, io sono una sostenitrice convinta del Kindle. I pregi sono tanti: dalla lettura che non affatica, al prezzo contenuto dei libri. Per non parlare del poco ingombro: tutto in un libricino 12×17!
I difetti? A volte la disposizione dei testi non è ben accurata, bisogna ricordarsi di tenere in carica il dispositivo, le note rimandate al fondo sono una seccatura.




Chi è A.D.
A. D., ma potremmo chiamarla anche Angelo Azzurro, nasce nel 1965 a Genova dove si diploma in turismo e lingue e si trasferisce per qualche mese in Inghilterra. Lavora per anni nell'ambito del turismo e della ristorazione. Negli ultimi cinque anni ha abbandonato il mondo lavorativo per occuparsi della famiglia e rispolverare un vecchio sogno nel cassetto: scrivere.
Infatti, Angelo Azzurro è lo pseudonimo con il quale pubblica prevalentemente su siti online. Ha al suo attivo alcune raccolte di poesie e una decina di romanzi.
Alcune poesie sono state pubblicate su cartaceo perché scelte tra molte altre, ad esempio hanno ricevuto un riconoscimento: Canzone del vento, La serra, La barista, Un uomo e una donna, Viaggiatori nell'azzurro, Dedicato ad Aurora, L'attesa, Primavera inaspettata, La giostra, Nostalgia. Inoltre, ha conquistato due menzioni d'onore con La Schiava e La follia di S.Francesco. È presente nell'antologia Alda nel cuore con L'estate dei ricordi, premio Alda Merini.
Premiati anche i racconti  Storia d'arte e d'amore, L'isola delle donne e il romanzo Senza ali al sud. Ha pubblicato in e-book e cartaceo il romanzo Senza ali al sud, come indipendente e Yeelen luce in Tanzania, con la Wizard&Blackholes. Menzione d'onore in concorso "Poesia voce dell'anima 2016".
La sua ultima creazione è la serie di indagini del Commissario Draghi, che sta riscuotendo un ottimo successo in formato digitale.
Se volete saperne di più, potete vistare la sua pagina Facebook

 

 

 

 

 






Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Venerdi, 21 Luglio 2017 04:51:01

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno