In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Il fronte di Guerra si allarga

guerra-ebook


Era da poco passata la mezzanotte e finalmente, con il coprifuoco, Pippo –inviato embedded a Bookgrad- decise di rilassarsi un po’ leggendo le news inviate dai suoi colleghi, seri professionisti ma di testate estere...


Quasi a farlo apposta, in quella silenziosa e fredda notte autunnale, egli incappò subito nel reportage di un corrispondente che in quella insulsa Guerra dell’e-book aveva stabilito il suo quartier generale nei pressi di una libreria tradizionale. Vi si raccontava che  la maggior parte delle librerie americane avevano deciso di boicottare Timothy Ferrissil secondo libro di un certo Timothy Ferriss.

Pippo rimase perplesso: e chi era costui?
Rapido e indolore lanciò la sua ricerca sul Web, e in pochi secondi scoprì che questo Ferriss era uno scrittore che in pochi mesi, con il suo primo libro, aveva venduto ben mezzo milione di copie. Da noi in Italia, praticamente, un miracolato!

Le perplessità di Pipo crebbero: ma i librai americani coltivavano istinti autolesionisti?
Visti i risultati del primo libro, il secondo parto di Timothy Ferriss rischiava di assicurare loro buoni incassi…
Pippo digitò nuovamente l’indirizzo del suo motore di ricerca preferito e da quello cercò di capire qualcosa di più.

Impiegò pochissimo, nevvero, per scoprire che Timoty Ferriss era l’autore di un libro - «The 4 hour work week» ovvero la settimana lavorativa di quattro ore, che  negli U.S.A. aveva rappresentato un vero e proprio evento, con vendite  da capogiro.

E allora?

Leggendo ancora, qua e là, capì…
L’errore di Mr. Timoty era stato quello di decidere di pubblicare il suo secondo libro con Amazon, scatenando il boicottaggio di tutti quei librai che ce l’hanno a morte con Amazon, e ancor più da quando l’azienda statunitense ha deciso di allargare la sua attività, pubblicando anche edizioni in cartaceo. Apriti cielo!!!

 

 

Come un’improvvisa esplosione di granata, un’idea scoppiò nel cervello di Pippo: ma i  librai non ci avevano sempre raccontato la fiaba di essere i meno commercianti tra i commercianti? Di avere a cuore innanzi tutto la diffusione della cultura e delle conoscenze?

L’inviato embedded della Guerra degli e-book si fermò a metà di quel pensiero con un terribile sospetto: forse anche i librai erano entrati in guerra… disseppellendo l’ascia di guerra, se mai l’avevano  seppellita…

Pippo si chinò a cercare la sua Moleskine sulla quale appuntò quel nuovo sviluppo della Guerra che ormai stava coinvolgendo la maggior parte della filiera editoriale.

E i lettori?

BookshopA qualcuno dei contendenti stava per caso nascendo l’idea di occuparsi degli interessi dei lettori?
Purtroppo fu costretto ad annotare quell’ennesimo danno per la diffusione della lettura. Neppure i librai, che per tanti  anni si erano autoeletti a paladini del libro, sembravano farsi scrupolo di aderire a quella Guerra senza quartiere.

Concluse la serata annotando sulla propria agenda:
Anno secondo della Guerra dell’editoria digitale, 7 novembre 2012, i librai, dopo anni di lotte intestine, finalmente coesi per far Guerra ad Amazon per rivendicare i loro diritti commerciali. Dei diritti dei lettori nessuno si occupa, come sempre.

Il fronte di Guerra si allarga, dal digitale a tutta l'editoria.

Da Bookgrad, il corrispondente

Share

Commenti   

 
0 #5 Flaminia 2012-11-13 11:09
Citazione Luke:

Allora Pippo dovrebbe associarsi all'eBook Club Italia e "combattere" con noi :)
Di "battaglie" in corso ne abbiamo tante: aiutare i Lettori ad avvicinarsi al digitale, informare le Biblioteche sulle opportunità e sulle metodologie per introdurre il digitale in Biblioteca, istruire gli Editori su come realizzare eBook di qualità, compatibili ed accessibili, orientare gli Autori nella giungla del Self-Publishing, supportare i Ciechi nel loro diritto alla lettura…
Di carne al fuoco ne abbiamo, Invita Pippo ad associarsi al Club per trasformare in azioni concrete le sue parole!

Luke
Presidente eBook Club Italia ;)


Caro Luke,
il cronista Pippo è già un embedded al servizio della conoscenza, e non vede l'ora di allargare agli amici di eBook Club Italia le sue "cronache" :-*

Però - davvero interessante - la tua sensibilità sul tema ebook/nonvedent i: occorrerà sensibilizzare coloro che fabbricano e-reader e trovare una soluzione vantaggiosa per tutti loro...
Alla prossima, con piacere
Citazione
 
 
0 #4 Luke 2012-11-12 20:52
Citazione Flaminia:
Ciao "Amalibri" e Shinken :-)
guarda caso che dei lettori si occupa proprio il nuovo articolo del nostro, "povero" cronista embedded


Allora Pippo dovrebbe associarsi all'eBook Club Italia e "combattere" con noi :)
Di "battaglie" in corso ne abbiamo tante: aiutare i Lettori ad avvicinarsi al digitale, informare le Biblioteche sulle opportunità e sulle metodologie per introdurre il digitale in Biblioteca, istruire gli Editori su come realizzare eBook di qualità, compatibili ed accessibili, orientare gli Autori nella giungla del Self-Publishing , supportare i Ciechi nel loro diritto alla lettura…
Di carne al fuoco ne abbiamo, Invita Pippo ad associarsi al Club per trasformare in azioni concrete le sue parole!

Luke
Presidente eBook Club Italia ;)
Citazione
 
 
0 #3 Flaminia 2012-11-10 16:54
Ciao "Amalibri" e Shinken :-)
guarda caso che dei lettori si occupa proprio il nuovo articolo del nostro, "povero" cronista embedded
Ciauuuu :-*

cfr:
http://www.leggereonline.com/focus/239-la-guerra-degli-e-book-e-la-lettura-liquida.html
Citazione
 
 
0 #2 Shinken 2012-11-08 21:57
Proprio per questo esiste l'eBookClub Italia, che si fa portavoce dei diritti dei lettori. L'eBook Club Italia e' un'associazione culturale che vuole promuovere la lettura e la diffusione del libro, tradizionale ed elettronico, perché crediamo che libri ed eBook siano uno strumento indispensabile alla crescita culturale e civile di ogni società. Siamo quelli che pensano che “libro” sia ciò che leggiamo, non ciò su cui leggiamo e siamo contrarii ad ogni dispositivo o politica commerciale che voglia limitare la liberta' di lettura delle persone. Se volete, venite a trovarci su: http://ebci.it/
Citazione
 
 
0 #1 Amalibri 2012-11-08 21:42
" E i lettori? A qualcuno dei contendenti stava per caso nascendo l’idea di occuparsi degli interessi dei lettori?..."

a noi, sìììì, è venuto in mente !!!

http://ebci.it/wp/
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giovedi, 23 Novembre 2017 04:57:01

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno