In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

La misura della narrazione

snoopy


Qualche giorno fa ho scorso un articolo (“scorrere” è ovviamente diverso da “leggere”*) che affrontava diversi argomenti relativi al libro. Il tema in oggetto era la narrativa, soprattutto quella americana, e si spaziava dal “grande romanzo americano” alla misura dei racconti della Nobel di quest’anno, Alice Munro. Per passione “culturale/sociale/politica” io sostengo da anni l’avvento dell’e-book e, quindi, la lettura di questo articolo mi ha suscitato qualche considerazione…

 


I LETTORI 

Una prima considerazione dev’essere dedicata al “lettore”, a questa misteriosa figura che tutti si affannano a corteggiare, ma che in realtà nessuno riesce a definire né a catturare. Ogni tanto apprendiamo, dai soliti sondaggisti...

... continua a leggere a questo link



Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mercoledi, 24 Maggio 2017 15:44:50

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




FacebookTwitterLinkedIn