In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Una storia romantica per chi ama sorridere

 

luca-bianchini-iocheamosolo1


Il romanzo di Luca Bianchini, Io che amo solo te, uscito nel 2013 è tornato di attualità in questi giorni perché il suo autore sta lavorando alla sua trasposizione cinematografica insieme a Marco Ponti e Lucia Moisio.








La storia narrata in Io che amo solo te apparentemente ruota intorno al matrimonio di due giovani pugliesi, Damiano e Chiara: gli ultimi giorni dei preparativi, il gran giorno con rito in chiesa e banchetto neroniano, e poi il giorno dopo…

 

Il lettore si trova subito, capitolo dopo capitolo, a fare la conoscenza dei vari personaggi: la madre della sposa, la sposa stessa e lo sposo, ma anche sorelle, fratelli, padri, zii e cugini, insomma tutta la masnada dei parenti che è tradizione coinvolgere in un matrimonio in meridione. Gìà perché la vicenda si svolge in uno splendido paese dell’estremo sud, Polignano, e in Puglia su tutto si può scherzare e battere la fiacca, ma la cerimonia del matrimonio dev’essere memorabile, per come poi resta nelle narrazioni della gente per anni.

 

Voi siete per la convivenza? La sola parola, “matrimonio”, vi scatena reazioni pruriginose e allergie? Nessuna paura, quello delpolignano1 matrimonio è solo un artificio letterario che permette al nostro giovane autore di entrare in un mondo e raccontarvelo con amore e passione.

 

A partire dal luogo dove si svolge il racconto, questo magico paesino che vanta il merito, oltre ad aver dato i natali a Domenico Modugno, di avere un aspetto mozzafiato, a picco su un mare da Bandiera blu che attrae turisti da ogni dove.

 

Ed è proprio su questo mare che si affaccia la cucina della signora Ninella, la madre della sposa, che da subito si presenta come la vera protagonista del romanzo di Bianchini. La donna comprende fin dal primo mattino della vigilia che l’unico e vero ostacolo a fare del matrimonio della sua Chiara un evento memorabile sarà… il Maestrale, il vento freddo e violento, proveniente da Nord-Ovest, che rischia di restare nella memoria degli invitati più del fasto che si è dedicato alla cerimonia.

 

Pagina dopo pagina, mentre facciamo la loro conoscenza, sviluppiamo simpatie ed antipatie che spesso nel corso del libro l’autore saprà modificare o sovvertire dimostrando un’ottima conoscenza dei caratteri umani. Infatti come non innamorarsi da subito di donna Ninella o di sua figlia Chiara? Così come è naturale provare avversione per Don Mimì e per suo figlio Damiano. Quest’ultimo, poi, che ha deciso di sposarsi come uno decide di andare dal barbiere: s’ha da fa’… è proprio indigesto.

 


lucabianchini-di-simonecasa

Ma per scrivere un buon romanzo - uno di quelli che avvinghiano il lettore pagina dopo pagina, regalandogli il piacere di agognare ogni volta il ritorno alla lettura del seguito- è necessario, oltre a una buona gestione dei personaggi, anche di altri ingredienti.

 

Uno di questi è la molteplicità dei piani narrativi, una delle regole base che noi europei abbiamo dovuto imparare dai maestri della Fiction che sono gli autori americani, e Luca Bianchini, per il piacere dei suoi lettori, ha appreso molto bene questa lezione. Gli avvenimenti, infatti, a Polignano si moltiplicano, intrecciando le vicende dei personaggi e creando situazioni ora drammatiche ora comiche.

 

Così alla fine ce n’è per tutti i gusti ed ogni lettore può trovare tra i vicoli dell’assolato paesino pugliese il suo beniamino e quello che proprio non riesce a mandare giù…

 

Di queste pagine alla fine restano impressi proprio i personaggi, alcuni piccoli cammei che suscitano empatia immediata. A me è successo con Orlando, il fratello minore di Damiano. Perché? Mi spiace, ma questo non voglio proprio dirvelo, lo scoprirete leggendo, e io vi assicuro che vi resterà nel cuore, com’è accaduto a me.
Flaminia P. Mancinelli 

 

luca-bianchini-iocheamosoloIo che amo solo te
di Luca Bianchini, Ed. Mondadori
Ed. cartacea  € 13,60 - E-book  € 9,99
Insieme a La cena di Natale ( il sequel) in edizione Flipback  € 12,00
Web Site dell’autore. 





Share
Giovedi, 23 Novembre 2017 04:58:32

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno