In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Doppio Marlowe

 

doppiomarlowe

In attesa di una nuova avventura dell’investigatore americano,
leggiamo la recensione dell’ultimo romanzo di Frank Spada.








Marlowe, l'investigatore sgualcito e in eterno contrasto col suo "doppio", torna in pista per una nuova indagine. E se nel romanzo precedente (Dimmi chi sei Marlowe) indagava guidato dal cuore, stavolta sono gli affetti dell'infanzia a spingerlo all'azione: mentre partecipa al funerale di un amico, incontra una vecchia conoscenza che consegnandogli una busta da custodire lo coinvolge in un gioco complicato e pericoloso. Nel frattempo un'affascinante fashion victim lo assolda per risolvere un problema di famiglia che inesplicabilmente risulta legato a filo doppio alle sorti dell'amico irlandese che gli ha consegnato la busta e di cui si sono perse le tracce.

Ma al di là della vicenda - complessa e avvincente come sempre, che sarebbe troppo riduttivo sintetizzare in due parole - questo nuovo romanzo di Frank Spada conferma un sospetto nato con la lettura dei due precedenti: l'hard boiled e le atmosfere anni 50 sono solo un pretesto per fare letteratura. Letteratura di carattere, svincolata da una classificazione come romanzo di genere. Perchè la scrittura di Frank Spada è singolare e intensa, soprattutto in certe pagine in cui si mette a nudo la vera anima di Marlowe e del suo creatore. Non è una scrittura facile: occorre entrare in sintonia col suo ritmo sincopato e ricco di citazioni. Ma quando ci si riesce, quando si apre la mente e ci si lascia coinvolgere dalle evoluzioni verbali, si gusta realmente il libro in tutte le sue sfumature. Insomma è un po' come il jazz che suscita grandi passioni o fredda indifferenza. E proprio il jazz, oltre ad accompagnare il lettore con un'ideale colonna sonora (approfondita in una interessante appendice nel libro) lascia tracce ovunque: a cominciare dalla elegante immagine di copertina, guarda caso firmata da Dennis Stock che fu il fotografo dei grandi jazzisti degli anni 50.
Carla Casazza

 

Doppio Marlowe
di Frank Spada
Robin Edizioni
In formato cartaceo e digitale

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Martedi, 12 Dicembre 2017 19:06:11

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno