In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Cambiare

 

cover-cambiare

 

Il saggio/autobiografia di Liv Ullmann, per certi aspetti, è ancora molto attuale.

 

 

 

 

 

 

 


Ho quasi terminato Cambiare, un’autobiografia scritta da Liv Ullmann nel 1977. Quando uscì il libro, suscitò il mio interesse ma poi, come spesso accade, non riuscii a leggerlo. Oggi, dopo 37 anni, il saggio dell’attrice norvegese è un viaggio nel tempo: ci riporta a personaggi ed avvenimenti lontani. Con grande discrezione, senza mai scadere nel gossip, Liv Ullmann racconta incontri con star dello spettacolo o della politica europei o d’oltreoceano. Ci presenta una Hollywood inedita, che non appare nei rotocalchi.

Ma le pagine più toccanti e coinvolgenti sono quelle in cui narra il rapporto con la madre, la sorella, il regista Igmar Bergman, suo compagno per 5 anni e padre di sua figlia Linn. E proprio a Linn, l’attrice riserva un grande spazio, quasi dovesse farsi perdonare le assenze causate dalle lunghe turnée teatrali.
Alla fine degli anni 70 Liv Ullmann poneva l’accento sulla difficoltà di gestione della maternità e del lavoro per un’attrice, ma in generale per una donna. Oggi, nonostante il femminismo e i vari movimenti di liberazione, in Italia molte di quelle difficoltà permangono, peggiorate dalla crisi.

E poi c’è il suo amore per la Norvegia: una terra piena di contrasti dove la natura si diverte a giocare con la neve, il vento, il mare regalando emozioni forti.
E, ovviamente, l’analisi su se stessa e il suo lavoro per comprendere le origini del suo malessere e i passi da compiere per cambiare.

Cambiare è fuori catalogo e non esiste la versione e-book, però si trova nelle proposte dell’usato e probabilmente nelle biblioteche.
E qui potremmo aprire un ampio dibattito sulle opportunità offerte dall’editoria digitale per non far morire i libri. Ma questa è un’altra storia.
Cassandra

 

 



Share

Commenti   

 
+2 #1 Giulia 2014-05-12 12:35
;-)
mi piace Liv Ulmann e mi piace quello che tu, Cassandra, ci racconti di questa sua autobiografia e viene sì voglia di leggerlo.
Speriamo che l'editoria digitale (gli e-book)possano risolvere il dramma dei fuori-catalogo...
G.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Martedi, 12 Dicembre 2017 18:58:41

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




FacebookTwitterLinkedIn