In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Dio di illusioni

 



cover dio illusioni


Il romanzo di Donna Tartt vi coinvolge dolcemente ma alla fine avrete solo voglia di sapere cosa stanno tramando i sei personaggi....








 


Bello e mi è piaciuto sono espressioni troppo banali per Dio di illusioni di Donna Tartt, perché il romanzo non lo è affatto.

Eppure quando si inizia a leggere, la prima impressione è: “la solita storia di formazione ambientata in un campus americano”.

E poi, come per magia, si viene risucchiati nella vita dei sei protagonisti: Richard (la voce narrante), Henry, Francis, Bunny e i gemelli Charles e Camilla.

E non c'è nulla di banale nello scorrere delle loro esistenze. Ogni personaggio è un universo complesso che si scopre pagina dopo pagina; e l'abilità dell'autrice sta proprio nel delineare carattere e psicologia dei protagonisti, lasciando sempre intravedere un lato oscuro, o forse sarebbe più opportuno dire, ancora più oscuro.

Non c'è nulla di banale nella vicenda che coinvolge i sei studenti, tutto il campus, e via via l'intera cittadina del Vermont.

E soprattutto, non c'è nulla di banale nell'epilogo della storia. Man mano che proseguivo nella lettura, mi interrogavo sulla possibile conclusione, mi chiedevo come poteva terminare senza scadere, appunto, nello scontato.

Senza svelarvi nulla, perché è la regola delle mie recensioni, e perché sono convinta che, in particolare con questo romanzo, sia importante scoprire e gustare ogni passaggio dell'intricata vicenda, seguendo il percorso immaginato dalla Tartt.

Tuttavia desidero precisare che Dio di illusioni, è uno dei romanzi più amorali che io abbia mai letto. E, badate bene, non certo per eventuali implicazioni legati alla sessualità, ma proprio per come è costruita, narrata e vissuta l'intera storia.

L'amoralità o mancanza di valori etici è presente in ogni personaggio e viene ben descritto ed evidenziato dall'autrice, attraverso la voce narrante che ci accompagna in tutto il romanzo.

Sperando di avervi incuriosito quanto basta, vi auguro buona lettura.
Cassandra

 

Se desiderate approfondire, potete leggere anche la recensione di Flaminia P. Mancinelli



 


Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mercoledi, 18 Ottobre 2017 09:24:49

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




FacebookTwitterLinkedIn