In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Sul tema: scrittori in Italia, le domande di una scrittrice italiana

thewriter

Ho sempre fatto "il mestiere di scrivere", ma solo dopo i cinquant’anni, e diverse pubblicazioni all’attivo, mi sono decisa a confidare questa mia attività. Un’attività che ho sempre vissuto in modo bipolare (come molte altre cose che mi riguardano): non potendo farne a meno e sentendomene colpevole al punto di firmare alcune scritture con eteronimi.






 

Invecchiando, si sa, si capisce ogni giorno che gran parte dei giochi sono “fatti”, e tendi a diventare sempre più autentico, e quindi menefreghista sia del tuo che dell’altrui giudizio. Così anch’io ho iniziato a “buttare la maschera” e a dire e a scrivere sempre quello che penso.

Oggi sono incappata in qualche domanda, di quelle rognose per intenderci, che vi rifilo con la speranza che per qualcuna abbiate una risposta migliore della mia.

Il tema è: scrittori in Italia.ghostwriter

1) visto che se hai un politico tra gli amici, un editore che ti pubblica e ti pubblicizza lo trovi di sicuro, è giusto un engagement finalizzato a questo? Quanto dovrebbe essere palese (ed acritico, vista la situazione della Politica in Italia) l’impegno politico di uno scrittore?

2) visto che a campare decentemente con i “diritti d’autore” (e non solo in Italia, ma soprattutto in Italia) ci sono solo una manciata di autori, non sarebbe arrivato il tempo di iniziare una “rivoluzione dal basso”? Ovvero pubblicare gratuitamente i propri lavori?

3) c’è una differenza tra scrivere ed essere scrittori?

4) quanto uno scrittore è in grado di svolgere serenamente la funzione di “autocritica”?

5) come mai, in questi ultimi anni, abbiamo così tanti “scrittori” e non altrettanti “pittori” e “scultori”? Non sarà che il “mestiere di scrittore” (visto che a scuola a tutti noi insegnano “a scrivere”) sembra quindi a portata di mano e che, oltretutto, scrivere è più economico che non andare dallo psicoterapeuta?

O.K.
Forse dal tono delle domande, qualcuno potrà già immaginare le mie di risposte, ma per il momento mi piacerebbe conoscere le vostre opinioni ;)

Grazie,

Flaminia



Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Martedi, 12 Dicembre 2017 19:01:57

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




FacebookTwitterLinkedIn